If Music Be The Food Of Love, Play On

Categoria
Concerti
Data
Martedì 23 Ottobre 2018 10:00 - 12:00
Luogo
Sala Estense - Piazza del Municipio
44121 Ferrara FE, Italia
Telefono
0532207412
Email
produzioni@consfe.it
Sito internet

If music be the food of love, play on

« Se la musica è l'alimento dell'amore, seguitate a suonare,

datemene senza risparmio, così che, ormai sazio,

il mio appetito se ne ammali, e muoia. »

(Orsino, atto I, scena I – La dodicesima notte, W. Shakespeare)

 

Il Conservatorio di Ferrara aderisce per la prima volta al progetto culturale "Shakespeare. Dal testo alla scena", inserendosi con una iniziativa  didattica che prende spunto dalla propria mission divulgativa: partendo dal settore della ricerca e sfruttando le proprie risorse umane e strumentali, docenti e studenti del Conservatorio offriranno un concerto-spettacolo per le scuole dedicato ad un aspetto poco conosciuto dei drammi di Shakespeare: la musica evocata dai testi.

Quando il moderno spettatore si accinge ad assistere alla realizzazione teatrale di un dramma di William Shakespeare in una stagione di prosa, forse non sa che alcuni testi sono citazioni di songs  conosciute e che si richiedeva che tali brani fossero cantati in scena da musicisti o da attori-cantanti.

Oggi la difficoltà dei musicisti nel tentare di ricostruire l’esecuzione sul palcoscenico di W. Shakespeare è dovuta al fatto che nel XVI-XVII secolo la musica non era del tutto scritta: partendo da un motivo conosciuto la possibilità di trasformare l’esecuzione a seconda degli strumenti o dei cantanti disponibili era lasciata alla bravura e all’improvvisazione dell’ensemble (detto consort) musicale.

L’intento di questo incontro è quello di dare suono ai testi musicali tratti da drammi come The merry wives of Windsor, Henry V, Hamlet, Twelfth night, Henry VI, The tempest, Love’s labour’s lost, Othello, As you like it, Winter’s tale, utilizzando, oltre alle voci, gli strumenti utilizzati all’epoca: flauto dolce, liuto, viola da gamba, clavicembalo, tromba rinascimentale, che hanno un percorso didattico ben preciso all’interno dell’offerta formativa del nostro Conservatorio nella speranza che la poesia di Shakespeare diventi vera musica per tutti.

 

Anna Vandelli (soprano), Jone Babelyte (mezzosoprano), Gianni Lazzari (Viola da Gamba e Flauto), Martina Dainelli (Tromba barocca), Stefano Melloni,Stefano Squarzina  e Carlo Braga (Flauti), Pedro Alcacer  e Giovanni Fini (Liuti), Leonardo Zecchi (percussioni), Davide Marzola ( voce recitante e clavicembalo), Marina Scaioli (Clavicembalo e coordinamento)

 
 

Altre date

  • Martedì 23 Ottobre 2018 10:00 - 12:00

Prossimi Concorsi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28

 

 

wifi zone bsck

 

 

follow us on facebook